Risparmiare energia elettrica e fatica: come stirare di meno

Come evitare di stirare durante il periodo estivo Quante volte ci sarà capitato di sbuffare davanti ad una pila insormontabile di panni da stirare? Se in più aggiungiamo di affrontare la stiratura durante il periodo estivo, il caldo diventa insopportabile. Parte quindi la ricerca di tutti i modi per rimanere più freschi: chi cerca il punto più fresco della casa, chi stira di notte fonda, chi ci prova a farlo in cantina, chi invece decide di provarci all’esterno.

Oggi vogliamo spiegarvi come stirare di meno e risparmiare così fatica e anche energia elettrica! Esistono una serie di trucchetti per ovviare a questi inconvenienti o perlomeno per ridurre la quantità di abiti da stirare.

Non solo risparmieremo tempo e sudore, ma ridurremo anche i costi delle nostre bollette. Innanzi tutto è importante stendere gli indumenti al meglio, per evitare le pieghe e le stropicciature, così da non doverli stirare poi.

Qui valgono alcuni consigli: le mollette lasceranno il segno, quindi se stendete in casa, meglio non usare nulla e preferire sempre delle grucce per le magliette e le camicie. Se proprio dovete usare le mollette (per esempio per un bucato all’aria aperta) almeno fissatele in posti strategici (ad esempio sotto le ascelle) per tutti gli altri capi.
Per ogni indumento vale la regola di sbatterlo almeno 2/3 volte così da favorire la distensione delle fibre. 

1. Centrifuga. Quello della centrifuga è il lavoro della sgociolatura dei nostri capi, ma troppo energica li stropiccia tutti. E’ meglio, soprattutto per i capi estivi che sono più leggeri, preferire dei cicli più brevi e ridurre la centrifuga a 700 giri.

2. Non lasciare abiti in lavatrice. Evitate di lasciare i panni dentro la lavatrice una volta terminato il lavaggio. Oltre a prendere un cattivo odore, si stropiceranno tutti. Tirateli subito fuori e stendeteli bene.

3. Camicie. Nel caso specifico delle camicie, stiratele con le mani soprattutto lungo la fila dei bottoni e stendetele sulle grucce.

4. Maglioni. Se si tratta di maglioni invernali, stendeteli in orizzontale oppure arrotolateli in un asciugamano e poneteli sul piano del termosifone, oppure sullo stendino: se li appendete con le stampelle rischiate di deformare il tessuto e allungare le maniche.

5. Gonne. Si possono stendere per la vita, il peso farà tutto il resto!

6. Pantaloni e jeans. Questi capi vanno stesi al contrario (dai piedi per intenderci) e vanno tirate fuori le tasche. In questo modo manterranno la loro forma, soprattutto se avrete cura di ripassare il tessuto con le mani prima di stenderli.

7. Asciugamani e lenzuola vanno stesi per intero e ritirati quando sono ancora umidi. A quel punto ripiegateli per bene, stirate il tessuto con le mani e riapriteli per lasciarli asciugare.Una volta pronti, riponeteli uno sopra l’altro così che con il peso finiscano per appiattirsi. Lo stesso consiglio degli asciugamani vale anche per i lenzuoli.

E voi, quale altro consiglio avete su come stirare di meno, in pieno spirito #IoRisparmioEnergia?

Fonte: TuttoGreen

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Matteo Gentilini

Responsabile Marketing e Comunicazione della Saros srl dal gennaio 2012. Appassionato di vela, viaggi, fotografia. marketing@IoRisparmioEnergia.com

Lascia un commento