Risparmiare energia anche quando si è in vacanza

risparmiare-in-vacanza-475x315Ci sono periodi dell’anno in cui si ha il bisogno di staccare la spina dallo stress quotidiano dovuto agli impegni lavorativi e di toccare quelle località, più o meno lontane, dove trascorre qualche settimana di totale relax. Prima di partire e lasciare la propria abitazione, bisogna imparare a contenere gli sprechi di energia tenendo sotto controllo elettrodomestici, modem e altri dispositivi per evitare la dispersione di elettricità e favorire un risparmio energetico concreto. Si tratta, insomma, di piccoli accorgimenti da attuare prima di chiudere la porta di casa e partire per le sospirate ferie.

In tempi di ristrettezze economiche come quelli in cui viviamo risparmiare energia anche quando si è in vacanza diventa dunque fondamentale. Preparare il proprio appartamento alla partenza significa predisporlo affinché non ci siano sprechi di corrente. In questo caso, la prima cosa da farsi è spegnere la caldaia e i condizionatori d’aria perché sono impianti che, se lasciati in stand-by, possono comunque consumare una notevole quantità di elettricità.

Un’altra cosa da fare è un sopralluogo totale delle stanze e di ogni punto della vostra abitazione per controllare con calma ogni dispositivo lasciato in corrente. Quindi staccare la spina da televisori, router, computer e altri oggetti di questo tipo è essenziale, così come controllare che il contatore della luce sia spento e non continui a girare una volta chiusa la porta di casa. Per quanto riguarda il frigorifero, dopo averlo spento, bisogna accertarsi di lasciare aperti gli sportelli in modo che, al suo interno, si evitino la formazione di muffe e di altri componenti atmosferici. Il congelatore, invece, va sbrinato alcuni giorni prima della partenza, tenendo sotto controllo l’acqua di scolo per evitare spiacevoli sorprese nel rientro dalle vacanze.

Ogni vacanza è però un investimento in termini economici, dunque prima della partenza sarebbe bene tutelarsi con un’assicurazione che copra in modo concreto dagli eventuali inconvenienti come l’annullamento del volo o la perdita dei bagagli ma anche coprire le cure mediche in caso di ricovero in ospedale. Informazioni utili sulla polizza viaggio al seguente link.

Prenotare una stanza d’albergo o in una pensione non vuol dire lasciarsi andare al consumo sfrenato di risorse energetiche ma, anzi, si può e si deve utilizzare in questi luoghi la stessa attenzione che si è tenuta nei confronti della propria abitazione. In pratica mantenere un basso consumo di energia evitando di lasciare il condizionatore d’aria accesso quando si esce e assicurarsi di spegnere tutte le luci è un ottimo modo per cominciare.

Gli alberghi garantiscono la pulizia degli asciugamani, che di solito sono lavati ogni giorno, utilizzando lavatrici che consumano notevoli quantità di acqua e di elettricità. La biancheria da bagno può essere pulita con più parsimonia, evitando così inutili sprechi di energia: accappatoi e teli si possono lasciare sugli appositi supporti se ancora asciutti. E lo stesso tipo di attenzione si dovrebbe avere anche nei riguardi della tecnologia. In vacanza l’utilizzo meno invasivo di computer, cellulari e televisori può lasciare spazio a una maggiore intimità in famiglia, magari impiegando il proprio tempo libero leggendo un libro o facendo una passeggiata.

Quella del risparmio energetico può diventare una pratica importante con cui confrontarsi, un modo per tenere sotto controllo l’ecosistema del nostro pianeta e per non incappare in eccessi che possono innalzare la soglia d’inquinamento. Infine tenendo gli sprechi di questo tipo nella giusta attenzione si può evitare di ricevere delle brutte sorprese sulla propria bolletta che, in tempi di crisi economica come quelli in cui viviamo, non è un fattore da sottovalutare.

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Francesco Valente

Lascia un commento