Nel 2014 arriva la Formula E ovvero la Formula 1 elettrica

Partirà nel 2014 con un campionato titolato Fia, tutto su circuiti nelle grandi città. Già il prossimo anno saranno organizzati alcuni eventi promozionali

Se ne parlava da due anni e alla fine avrà vita. La Formula E per monoposto tutte elettriche avrà un futuro e perfino un campionato titolato Fia, a partire dal 2014, mentre già il prossimo anno darà vita a una serie di eventi dimostrativi-promozionali di preparazione.

La Fia ha annunciato il “piano di concretizzazione” del campionato di Formula E nei giorni scorsi, spiegando che, per organizzarlo e promuoverlo, è stato creato un consorzio ad hoc, la Formula E Holding. Questa fa capo ad Alejandro Agag, noto businessman spagnolo, ex socio di Flavio Briatore e oggi titolare del team Barwa Addax di Gp2. Come figure di riferimento la FEH ha inoltre Enrique Banuelos, imprenditore miliardario con attività in particolare in Brasile, Eric Barbaroux, presidente della società francese Electric Formula che opera nel settore automobilistico, e Paul Drayson, ex Ministro delle Scienze del governo inglese, imprenditore nel settore delle nuove tecnologie e titolare della Drayson Racing Technologies tramite la quale sta sviluppando un prototipo “full electric” sulla base della Lola B12/60 Lmp1.

Il campionato 2014 si disputerà tutto su tracciati all’interno di grandi città, per attrarre più pubblico, su un totale di 8 incontri, ciascuno dei quali composto da 4 gare di circa 15 minuti ciascuna. Non sarà un monomarca ma verrà aperto a tutti i Costruttori interessati, e al momento ve ne sarebbero già tre. Trattandosi di una serie per vetture del tutto elettriche – sono dunque escluse le ibride – vi sono inoltre trattative in corso con aziende fornitrici di batterie e supercapacitors.

Le monoposto dovranno essere dotate di un telaio in fibra di carbonio in grado di superare una serie di crash test (già definiti dalla Fia), avere un peso minimo di 540 kg senza batterie e/o supercapacitors, che in entrambi i casi non dovranno eccedere i 300 kg, mentre il peso totale della vettura non potrà essere inferiore a 780 kg, pilota incluso. Per quanto riguarda le dimensioni, invece, la loro lunghezza non potrà superare i 5200 mm, la larghezza i 1800 mm e l’altezza i 1050 mm.

Vi sarà quindi molta libertà sul sistema propulsivo, in quanto saranno liberi il tipo e il numero di motori elettrici utilizzabili – purché il voltaggio non superi 1kV – e potrà essere adottato un sistema ditrasmissione su un solo asse delle ruote o su entrambi.

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Matteo Gentilini

Responsabile Marketing e Comunicazione della Saros srl dal gennaio 2012. Appassionato di vela, viaggi, fotografia. marketing@IoRisparmioEnergia.com

Lascia un commento