Lampadine ad incandescenza: addio definitivo alla vendita dal 1 Settembre 2012

Dal 1 Settembre 2012 scatta il divieto di vendita per le ultime lampadine ad incandescenza “supersiti”, quelle da 25 e 45 Watt per intendersi.

Il divieto alla vendita scatta in tutta Europa, sul mercato quindi ci saranno solo Lampade a Led o Lampade compatte (alogene e a fluorescenza).

Si chiude quindi un’epoca, con la “pensione” delle lampade ad incandescenza che vennero ideate nel 1878 da Thomas Edison.

Ad avantaggiarsi delle pensione delle Lampadine ad incandescenza sarà di sicuro l’ambiente ed anche le tasche dei consumatori:

  • mediamente una lampada ad incandescenza emette 76 chilogrammi di CO2 contro i 15 stimati di una ad alta efficienza
  • se aveste qualche dubbio sul risparmio economico, dato il prezzo di vendita maggiore, dovete considerare la vita media più lunga (qui si stima 8 volte) ed il risparmio in termini di energia, con stime di costo energetico di 42 euro annuo per le vecchie lampadine per sette ore di accensione giorno contro i 12 euro di una ad alta efficienza.

Ma attenzione ai potenziali effetti negativi dovuti all’ errato smaltimento delle Lampade a Fluorescenza e led. Ad esempio le lampade a fluorescenza contengono mercurio, quindi NON possono essere smaltite nel secco come le vecchia lampade ad incandescenza ma devono essere raccolte appositamente nei contenitori di consorzi come Ecolamp.

Fonte: Tuttogreeen

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Matteo Gentilini

Responsabile Marketing e Comunicazione della Saros srl dal gennaio 2012. Appassionato di vela, viaggi, fotografia. marketing@IoRisparmioEnergia.com

Lascia un commento