Detrazioni fiscali 2015, tutte le novità

Il 23 dicembre 2014 scorso è stata approvata la Legge di Stabilità 2015. Pubblicata sul Supplemento Ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre, n. 300 questo provvedimento normativo punta a portare l’Italia fuori dalla crisi, migliorando la qualità del fisco tramite una serie di aiuti ai contribuenti.

Sebbene non abbia soddisfatto tutti gli italiani, come spiega Renzi su Twitter “La legge stabilità taglia 18 miliardi di tasse. Più soldi al sociale, meno tasse sul lavoro. Tutto è migliorabile, ma Italia #cambiaverso”.

Grazie alla Legge di stabilità sono state prorogate a partire dal 1° gennaio 2015 le detrazioni fiscali per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, acquisto di mobili ed elettrodomestici e di interventi per la riqualificazione energetica.
Ecco un riassunto con le principali novità sulle detrazioni fiscali 2015.

Detrazioni risparmio energetico 2015

La detrazione del 65% per le spese relative ad interventi di riqualificazione energetica degli edifici è stata prorogata al 31 dicembre 2015. Senza la Legge Stabilità l’aliquota sarebbe scaduta il 31 dicembre 2014, passando al 50%. Gli interventi agevolabili rimangono gli stessi del 2014, ovvero per tutti i lavori per mettere in sicurezza dal rischio sismico gli edifici o per migliorare le prestazioni energetiche, incluse quelle delle parti comuni condominiali. Il tetto massimo di spesa detraibile per la riqualificazione energetica è stato fissato a 153.846 euro.
Tra le novità del 2015 figura l’inclusione delle schermature solari. Potranno infatti essere detratte le spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di tende da esterni, vetrate e chiusure oscuranti.
Le richieste di detrazione dovranno essere presentate direttamente all’ENEA e potranno riguardare solo interventi effettuati nei prossimi 12 mesi.

Detrazioni ristrutturazioni edilizie 2015
Prorogata anche la detrazione del 50% per le spese sostenute per il ripristino del patrimonio edilizio, per un ammontare massimo di spesa di 96.000 euro per ogni unità immobiliare. Senza la Legge Stabilità l’aliquota sarebbe stata ridotta al 40%. Gli interventi agevolabili rimangono invariati rispetto al 2014, nello specifico le qualsiasi ristrutturazione edilizia,  l’installazione degli impianti fotovoltaici e le rimozioni delle barriere architettoniche. Rimangono i limiti di spesa e l’obbligo di pagare i lavori tramite il bonifico bancario ad hoc per questo tipo di intervento.

Bonus arredo 2015
Prorogata per un altro anno la detrazione del 50% riferita alle spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per l’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Dunque, tutte le spese devono essere sostenute entro il 31 dicembre 2015. Da sottolineare che la spesa per l’acquisto di mobili dev’essere connessa ad una ristrutturazione edilizia per poter richiedere la detrazione. Il tetto di spesa resta a 10.000 euro ed è indipendente dal totale di spesa sostenuto per la ristrutturazione edilizia. Anche i radiatori elettrici svedesi che proponiamo possono essere detratti grazie al bonus arredo e elettrodomestici.

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Matteo Gentilini

Responsabile Marketing e Comunicazione della Saros srl dal gennaio 2012. Appassionato di vela, viaggi, fotografia. marketing@IoRisparmioEnergia.com