Alberta Ferretti e Emma Watson unite per una linea moda eco-sostenibile

Da una parte la streghetta saputella e un pò impertinente di Harry Potter, dall’altra una raffinatissima stilista italiana di fama internazionale. Cosa può mai esserci in comune tra le due? Beh..ve lo diciamo noi: il paradigma etico e green, quello che probabilmente dirà molto nel prossimo futuro sul nuovo concetto di città, automobile e vivibilità. E farà la parte del leone anche nella moda, potete scommetterci.

Ecco perchè, da una collaborazione nata quasi per caso, é nata una linea di capi eco-green di tessuto rigorosamente organico. Si tratta di Emma Watson, l’attrice conosciuta in tutto il mondo per il successo di Harry Potter e Alberta Ferretti, sempre attenta alle nuove tendenze in fatto di stile. Così attenta che ha notato alcuni capi della collezione della giovane attrice e l’ha chiamata per collaborare con lei, proprio sul tema green.

Alcuni accessori della stilista, perlopiù scarpe, li trovi su Zalando, un sito sempre aggiornato sulle novità nel mondo del fashion e con diversi capi, anche delle griffes esclusive e di impronta luxury a prezzi speciali e scontati. E anche il mondo della moda eco-green che ha visto negli ultimi anni ‘convertirsi’ al genere anche grandi marchi low cost come H&M e Zara, trova il suo posto in portali di e-commerce, con pagine sempre aggiornate sulle novità.

Cosa ci riseveranno, quindi, collaborazioni come quella tra Alberta Ferretti ed Emma Watson? Molta voglia di sperimentare e nuova energia, sicuramente. Lo dimostra il successo che la prima collezione di capi green ha avuto la scorsa primavera.

Linee semplici, grande qualità nei tessuti per una collezione, quella primaverile, che ha sempre bisogno di tener conto di temperature ‘difficili’, a volte calde, a volte ancora invernali. E i capi di tessuto organico riescono sempre a rispondere bene a tale esigenza.

Non solo: la collaborazione tra Emma Watson e Alberta Ferretti richiama l’importanza dello stile green come paradigma di un mondo migliore, anche dal punto di vista etico. Perchè é proprio questa la novità sostanziale: produrre capi d’abbigliamento non sfruttando il lavoro ed essendo solidali con le piccole comunità, che, a volte, nei luoghi più reconditi del mondo, vivono di stenti e difficoltà. Ecco perchè dove si trova il rispetto per la natura si deve trovare, necessariamente, anche quello per l’uomo.

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Francesco Valente

Lascia un commento