Acqua in bottiglia o di rubinetto? Davvero l’acqua del rubinetto non fa per voi?

Perché in Italia c’è tanto scetticismo nei confronti delle acque rifornite dagli acquedotti comunali e perché gli italiani preferiscono acquistare l’acqua al supermercato?

Che sia una moda o il frutto di un’informazione sbagliata, comunque sia, sui bilanci familiari di fine anno la spesa per l’acquisto delle acque minerali in bottiglia ha il suo peso indiscutibile. Forse qualcuno non ci farà caso ma il costo per l’acquisto dell’acqua minerale da bere ha una notevole variabilità sulla quale vale la pena di soffermarsi.

Ci sono infatti marche di acque minerali decisamente più costose di altre e ciò dipende da fattori poco giustificabili visto che la materia prima, l’acqua appunto, non ha un costo di produzione, poiché si trova in natura gratis.

Sul prezzo finale pesano, invece, la notorietà del marchio, le campagne pubblicitarie fatte su diversi mezzi di comunicazione, l’aspetto esteriore della confezione – che può essere più semplice o di design e quindi più costosa – ed i costi di imbottigliamento e di trasporto, che lievitano quanto più distante è la fonte di imbottigliamento.

Se proprio non possiamo fare a meno delle acque minerali, almeno riflettiamo sul fatto che ci sono quelle di produzione locale sulle quali la voce “spese di trasporto, distribuzione e pubblicità” sono inferiori, per cui il costo finale è ridotto.

Un altro problema di fondo, quello più importante, è la qualità delle acque. Chi di noi si sofferma a leggere le etichette, a passare in rassegna i composti chimici presenti e l’autorizzazione ministeriale che in alcuni casi risale a decenni e decenni addietro? Quasi nessuno. Sono dati che diamo per scontati e la pubblicità, quella che consiglia acque leggere con pochi sali minerali, non menziona affatto che l’acqua stessa ci rifornisce proprio quei sali che quotidianamente servono al nostro organismo per il suo regolare funzionamento…

E poi magari, già che siamo al supermercato, ci convinciamo ad acquistare gli integratori alimentari, perché pensiamo di essere carenti di qualche sostanza.

Ma siamo così sicuri che le acque minerali siano “pulite” e ci “puliscano” come le pubblicità ci fanno intendere? La presenza di sostanze non proprio innocue come nitrati e arsenico instillano qualche dubbio.

Ci sono varie ragioni per mettere in discussione l’acquisto di acque minerali, dal motivo più pratico, come il peso delle bottiglie che ci portiamo dietro dal supermercato a casa, all’evitabile spreco di denaro, al problema etico ed ecologista che vede come fattori negativi l’inquinamento creato dal sistema di trasporto e distribuzione e lo smaltimento delle bottiglie vuote, per arrivare al discorso di qualità e salute.

Se solo ci informassimo maggiormente sulla qualità delle acque della rete municipale fornite dagli acquedotti, scopriremmo che nella maggior parte dei casi si tratta di acque di qualità, come spesso lo sono anche le acque delle fontanelle pubbliche di alcune città. E la scelta verso questo tipo di acqua sarebbe scontata, dando una mano così al portafoglio e all’ambiente.

Inoltre, con due semplici dispositivi puoi avere a casa tua acqua sempre pura e frizzante. Non avrai più bisogno di acquistare bottiglie al supermercato.

Happy Drink ti permette di avere acqua pura tramite microfiltrazione.

Acquista subito!

 

Con Happy Frizz puoi avere acqua frizzante sempre e dove vuoi!

Acquista subito!

Saros Energia | IoRisparmioEnergia

Condividi

Matteo Gentilini

Responsabile Marketing e Comunicazione della Saros srl dal gennaio 2012. Appassionato di vela, viaggi, fotografia. marketing@IoRisparmioEnergia.com

Lascia un commento